Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Si andò a far tre visite: cioè, a lasciare i biglietti perchè nessuno era in casa. La quarta c'era: era la Contessa Giuseppina *** ch'io amo tanto.

Entrammo quasi insieme a una bella signora elegantissima, grassotta, con un viso aperto e due grandi occhi chiari, pieni di sincerità e di allegria.

— «Chi è?» dimandai all'Elisa.

— «Non so» mi rispose: e visto che non è più di moda far le presentazioni, dovetti tenermi la mia curiosità.

Esaurito il discorso del teatro, del ballo di casa S.** e della serata musicale di casa T **, quella signora disse: — «Hai sentito, Giuseppina, della povera Clara?»

— «Ma sì: pensa che colpo è stato per me! non sapevo che fosse ammalata. Ieri piglio il giornale, vedo