Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Era uscito: partito per sempre: lui! l'unico uomo che mi aveva parlato d'amore: lui che mi adorava! Avevo io il diritto di condannare lui o me al dolore, senza una spiegazione, senza lasciargli modo di giustificarsi?... Dio! Dio! che cosa avevo fatto? In società si raccontano tante cose punto vere. Non poteva la signora Gemmi avere sbagliato di nome, o forse inventata quella storiella?... Mi lasciai cadere sul sofà, piangendo di disperazione. Chi mi salvava, ora? Nessuno: nessuno avrebbe potuto restituirmi il suo amore, perché io lo avevo insultato! e un uomo come lui non perdona un insulto!

“ Miss Conny, che cosa avete? ” mi domandò miss Jane piangendo.

— «Nulla: sono una pazza: ecco cosa sono!» e mi alzai, mi asciugai il viso, e mi guardai nello specchio.