Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 AMOROSA VISIONE

Se quella con cui tu ora ti passi,
     80Ismemorato in festa ed allegrezza,
     Tanta virtù in lei forse trovassi,
Tanto piacere e tanta di bellezza
     Quanta in me, io non riputerei
     L’aver lasciata me fosse mattezza;
85Ognora più di ciò ti loderei;
     Ma s’io ho ben la sua bellezza intesa,
     Certo io son molto più bella di lei:
Molto mi tengo in questa parte offesa:
     Ma torna a me, e tutto ti perdono,
     90E la tua forza in ben ovrar palesa:
Io chieggo a te di grazia questo dono.