Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CAPITOLO XLI. 167

Tra tanto ben, quanto a’ mie’ occhi offerto
     50Era in quel loco, vid’io poi seguire,
     Come ’l rammemorar me ne fa certo,
Ognor più belle e più conte nel gire
     Donne altre assai, i nomi delle quali
     Io non saprei di tutte ben ridire;
55Però le taccio, ma con disuguali
     Passi e maniere si movea catuna,
     Siccome il suon ne porgeva segnali,
Oltre al parer mio, e ciascheduna
     A tal bisogna cotal lieta e presta
     60Mi pareva che fosse, perch’ognuna,
Ridendo in sè, prendeva gioia e festa,
     Senza mostrar negli atti ch’altra cura
     Le fosse dentro forse al cor molesta.
Givansi adunque su per la verdura,
     65E sopra i fior, che nuovi produceva
     Allato al rivo la bella pianura,
E talor quella che le conduceva
     Fino alla bella fonte se ne giva,
     E intorno ad essa in giro si torceva,
70Sopra tornando per la chiara riva
     Del fiumicello, e poi nel pian tornando,
     Che di diversi odori tutto oliva.
Sempre con l’occhio quelle seguitando
     M’andava io, e dentro l’intelletto
     75La lor bellezza giva immaginando,
E di quelle prendea tanto diletto
     In me, ch’alcuna volta fu che io
     A tal piacer credetti far subietto