Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

novella quinta 105

questa seccaggine stanotte. — Dalle quali parole forse assicurato uno che dentro dalla casa era, ruffiano della buona femina, il quale egli né veduto né sentito avea, si fece alle finestre e con una voce grossa, orribile e fiera disse: — Chi è lá giú? — Andreuccio, a quella voce levata la testa, vide uno il quale, per quel poco che comprender potè, mostrava di dovere essere un gran bacalare, con una barba nera e folta al volto, e come se del letto o da alto sonno si levasse, sbadigliava e stropicciavasi gli occhi. A cui egli, non senza paura, rispose: — Io sono un fratello della donna di lá entro. — Ma colui non aspettò che Andreuccio finisse la risposta, anzi, piú rigido assai che prima, disse: — Io non so a che io mi tengo che io non vengo lá giú, e deati tante bastonate quante io ti veggia muovere, asino fastidioso ed ebriaco che tu déi essere, che questa notte non ci lascerai dormire persona! — E tornatosi dentro, serrò la finestra. Alcuni de’ vicini, che meglio conoscieno la condizion di colui, umilmente parlando ad Andreuccio dissero: — Per Dio, buono uomo, vatti con Dio; non volere stanotte essere ucciso costí; vattene per lo tuo migliore. — Laonde Andreuccio, spaventato dalla voce di colui e dalla vista, e sospinto da’ conforti di coloro, li quali gli pareva che da caritá mossi parlassero, doloroso quanto mai alcuno altro e de’ suoi denar disperato, verso quella parte onde il dí aveva la fanticella seguita, senza saper dove s’andasse, prese la via per tornarsi all’albergo. Ed a se medesimo dispiacendo per lo puzzo che a lui di lui veniva, disideroso di volgersi al mare per lavarsi, si torse a man sinistra e su per una via chiamata la Ruga catalana si mise: e verso l’alto della cittá andando, per ventura davanti si vide due che verso di lui con una lanterna in mano venieno, li quali temendo non fosser della famiglia della corte o altri uomini a mal far disposti, per fuggirgli, in un casolare il qual si vide vicino pianamente ricoverò. Ma costoro, quasi come a quello proprio luogo inviati andassero, in quel medesimo casolare se n’entrarono; e quivi l’un di loro, scaricati certi ferramenti che in collo avea, con l’altro insieme gl’incominciò a guardare, varie cose sopra quegli ragionando. E mentre parlavano, disse