Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
126 giornata seconda

videro, piagnendo piú volte misericordia addomandarono, ma accorgendosi che intese non erano né esse lui intendevano, con atti s’ingegnarono di dimostrare la loro disavventura. Il famigliare, come poté il meglio ogni cosa ragguardata, raccontò a Pericone ciò che sú v’era, il quale, prestamente fattene giú tôrre le donne e le piú preziose cose che in essa erano e che aver si potessono, con esse n’andò ad un suo castello: e quivi con vivande e con riposo riconfortate le donne, comprese, per gli arnesi ricchi, la donna che trovata avea dovere essere gran gentil donna, e lei prestamente conobbe all’onore che vedeva dall’altre fare a lei sola. E quantunque pallida ed assai male in ordine della persona per la fatica del mare allora fosse la donna, pur pareano le sue fattezze bellissime a Pericone; per la qual cosa subitamente seco diliberò, se ella marito non avesse, di volerla per moglie, e se per moglie aver non la potesse, di volere avere la sua amistá. Era Pericone uomo di fiera vista e robusto molto; ed avendo per alcun dí la donna ottimamente fatta servire, e per questo essendo ella riconfortata tutta, veggendola esso oltre ad ogni estimazione bellissima, dolente senza modo che lei intender non poteva né ella lui, e cosí non poter saper chi si fosse, acceso nondimeno della sua bellezza smisuratamente, con atti piacevoli ed amorosi s’ingegnò d’inducerla a fare senza contenzione i suoi piaceri. Ma ciò era niente: ella rifiutava del tutto la sua dimestichezza, ed intanto piú s’accendeva l’ardore di Pericone; il che la donna veggendo, e giá quivi per alcuni giorni dimorata e per li costumi avvisando che tra cristiani era, ed in parte dove, se pure avesse saputo, il farsi conoscere le montava poco, avvisandosi che a lungo andare o per forza o per amore le converrebbe venire a dovere i piaceri di Pericon fare, con altezza d’animo seco propose di calcare la miseria della sua fortuna, ed alle sue femine, che piú che tre rimase non ne l’erano, comandò che ad alcuna persona mai manifestassero chi fossero, salvo se in parte si trovassero dove aiuto manifesto alla lor libertá conoscessero: oltre a questo sommamente confortandole a conservare la loro castitá, affermando, sé avere seco proposto che mai di lei se