Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/300

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
296 giornata quarta

s’attendeva per li loro parenti a maritarle che la tornata di N’Arnald, il qual con sua mercatantia era andato in Ispagna. Erano i nomi delle due prime, dell’una Ninetta e dell’altra Maddalena; la terza era chiamata Bertella. Della Ninetta era un giovane gentile uomo, avvegna che povero fosse, chiamato Restagnone, innamorato quanto piú potea, e la giovane di lui; e si avevan saputo adoperare, che, senza saperlo alcuna persona del mondo, essi godevano del loro amore: e giá buona pezza goduti n’erano, quando avvenne che due giovani compagni, de’ quali l’uno era chiamato Folco e l’altro Ughetto, morti i padri loro ed essendo rimasi ricchissimi, l’un della Maddalena e l’altro della Bertella s’innamorarono. Della qual cosa avvedutosi Restagnone, essendogli stato dalla Ninetta mostrato, pensò di potersi ne’ suoi difetti adagiare per lo costoro amore, e con lor presa dimestichezza, or l’uno ed or l’altro e talvolta ammenduni gli accompagnava a vedere le lor donne e la sua. E quando dimestico assai ed amico di costoro esser gli parve, un giorno in casa sua chiamatigli, disse loro: — Carissimi giovani, la nostra usanza vi può aver renduti certi quanto sia l’amore che io vi porto, e che io per voi adopererei quello che io per me medesimo adoperassi: e per ciò che io molto v’amo, quello che nell’animo caduto mi sia intendo di dimostrarvi, e voi appresso con meco insieme quel partito ne prenderemo che vi parrá il migliore. Voi, se le vostre parole non mentono, e per quello ancora che ne’ vostri atti e di dí e di notte mi pare aver compreso, di grandissimo amore delle due giovani amate da voi ardete, ed io della terza, loro sorella; al quale ardore, ove voi vi vogliate accordare, mi dá il cuore di trovare assai dolce e piacevole rimedio, il quale è questo. Voi siete ricchissimi giovani, quello che non sono io: dove voi vogliate recare le vostre ricchezze in uno e me fare terzo posseditore con voi insieme di quelle e diliberare in che parte del mondo noi vogliamo andare a vivere in lieta vita con quelle, senza alcun fallo mi dá il cuor di fare che le tre sorelle, con gran parte di quello del padre loro, con essonoi dove noi andarne vorremo ne verranno, e quivi ciascun con la sua a guisa di tre fratelli viver