Pagina:Boccaccio - Decameron II.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
126 giornata ottava

credeste, io vi posso dare per testimonia la trecca mia da lato, e la Grassa ventraiuola ed uno che va ricogliendo la spazzatura da Santa Maria a Verzaia, che il vide quando egli tornava di villa. — Maso, d’altra parte, non lasciava dire a Ribi, anzi gridava: e Ribi gridava ancora. E mentre che il giudice stava ritto, e loro piú vicino per intendergli meglio, Matteuzzo, preso tempo, mise la mano per lo rotto dell’asse e pigliò il fondo delle brache del giudice, e tirò giú forte. Le brache ne venner giuso incontanente, per ciò che il giudice era magro e sgroppato; il quale, questo fatto sentendo e non sappiendo che ciò si fosse, volendosi tirare i panni dinanzi e ricoprirsi e porsi a sedere, Maso dall’un lato e Ribi dall’altro pur tenendolo e gridando forte: — Messer, voi fate villania a non farmi ragione e non volermi udire e volervene andare altrove; di cosí piccola cosa come questa è, non si dá libello in questa terra! — tanto in queste parole il tennero per li panni, che quanti nella corte n’erano, s’accorsero essergli state tratte le brache. Matteuzzo, poi che alquanto tenute l’ebbe, lasciatele, se n’uscí fuori ed andossene senza esser veduto. Ribi, parendogli avere assai fatto, disse: — Io fo boto a Dio d’aiutarmene al sindacato! — e Maso, d’altra parte, lasciatagli la guarnacca, disse: — No, io ci pur verrò tante volte, che io non vi troverò cosí impacciato come voi siete paruto stamane! — e l’uno in qua e l’altro in lá, come piú tosto poterono, si partirono. Messer lo giudice, tirate insú le brache in presenza d’ogni uomo, come se da dormir si levasse, accorgendosi pure allora del fatto, domandò dove fossero andati quegli che dell’uose e della valigia avevan quistione: ma non ritrovandosi, cominciò a giurare per le budella di Dio che e’ gli conveniva conoscere e saper se egli s’usava a Firenze di trarre le brache a’ giudici quando sedevano al banco della ragione. Il podestá, d’altra parte, sentitolo, fece un grande schiamazzio; poi per suoi amici mostratogli che questo non gli era fatto se non per mostrargli che i fiorentin conoscevano che, dove egli doveva aver menati giudici, egli aveva menati becconi per averne miglior mercato, per lo migliore si tacque, né piú avanti andò la cosa per quella volta.