Pagina:Boccaccio - Decameron II.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
184 giornata ottava

che apparve dal suo effetto buono, e la sagacitá di Salabaetto, che non fu minore a mandarlo ad esecuzione, levatasi la laurea di capo, in testa ad Emilia la pose, donnescamente dicendo: — Madonna, io non so come piacevole reina noi avrem di voi, ma bella la pure avrem noi: fate adunque che alle vostre bellezze l’opere sien rispondenti. — E tornossi a sedere.

Emilia, non tanto dell’esser reina fatta quanto del vedersi cosí in publico commendare di ciò che le donne sogliono esser piú vaghe, un pochetto si vergognò, e tal nel viso divenne quali in su l’aurora son le novelle rose; ma pur, poi che tenuti ebbe gli occhi alquanto bassi ed ebbe il rossor dato luogo, avendo col suo siniscalco de’ fatti pertenenti alla brigata ordinato, cosi cominciò a parlare:

Dilettose donne, assai manifestamente veggiamo che, poi che i buoi alcuna parte del giorno hanno faticato sotto il giogo ristretti, quegli esser dal giogo alleviati e disciolti, e liberamente dove lor piú piace, per li boschi, lasciati sono andare alla pastura: e veggiamo ancora non esser men belli, ma molto piú, i giardini di varie piante fronzuti che i boschi ne’ quali solamente querce veggiamo; per le quali cose io estimo, avendo riguardo quanti giorni sotto certa legge ristretti ragionato abbiamo, che, sí come a bisognosi, di vagare alquanto, e vagando riprender forze a rientrar sotto il giogo, non solamente sia utile ma opportuno. E per ciò quello che domane seguendo il vostro dilettevole ragionar sia da dire, non intendo di ristrignervi sotto alcuna spezialtá, ma voglio che ciascuno secondo che gli piace ragioni, fermamente tenendo che la varietá delle cose che si diranno non meno graziosa ne fia che l’avere pur d’una parlato; e cosi avendo fatto, chi appresso di me nel reame verrá, sí come piú forti, con maggior sicurtá ne potrá nell’usate leggi ristrignere. — E detto questo, infino all’ora della cena libertá concedette a ciascuno.

Commendò ciascun la reina delle cose dette, sí come savia; ed in piè dirizzatisi, chi ad un diletto e chi ad uno altro si diede: le donne a far ghirlande ed a trastullarsi, i giovani a giucare