Pagina:Boccaccio - Fiammetta di Giovanni Boccaccio corretta sui testi a penna, 1829.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


le quali io per contentarlo usava, non per utile che di quelle aspettassi. E quale alleviamento di corpo puote le passioni dell’anima alleviare? Niuno credo; forse che quelle dell’anima via levate potrebbero il corpo alleviare. La medicina utile al mio male non era piú che una, la quale troppo era lontana a potermi giovare.

Poi che l’ingannato marito vedea le molte medicine poco giovare, anzi niente, di me piú tenero che il dovere, da me in molte nuove e diverse maniere la mia malinconia s’ingegnava di cacciare via, e la perduta allegrezza restituire, ma invano le molte cose adoperava. Egli alcuna volta mi mosse cotali parole: Donna, come tu sai, poco di là dal piacevole monte Falerno, in mezzo dell’antiche Cume e di Pozzuolo sono le dilettevoli Baie sopra li marini liti, del sito delle quali piú bello nè piú piacevole ne cuopre alcuno il cielo. Egli di monti bellissimi tutti d’alberi varii e di viti coperti è circundato, fra le valli de’ quali niuna bestia è a cacciare abile, che in quelle non sia; nè a quelli lontana la grandissima pianura dimora, utile alle varie cacce de predanti uccelli e sollazzevole; quivi vicine l’isole Pittaguse e Nisida di conigli abondante, e la sepultura del gran Miseno, dante via a’ regni di Plutone; quivi gli oracoli della Cumana Sibilla, il lago d’Averno, e ’l Teatro, luogo comune degli antichi giuochi, e le Piscine, e monte Barbaro, vane fatiche dello iniquo Nerone: le quali cose antichissime e nuove, a’ moderni animi sono non piccola cagione di diporto ad andarle mirando. E oltre a tutte queste, vi sono bagni sanissimi ad ogni cosa e infiniti, e il cielo quivi mitissimo