Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
266 COMENTO DEL BOCCACCI

dove nè sole nè aere puote entrare. Genti v’aveva: venuti al luogo dove i famosi sono, discrive l’autor primieramente alcuno de lor costumi e modi, per li quali comprender si puote, loro esser persone di grande autorità: e appresso ne nomina una parte. Dice adunque: Genti v’eran, in quel luogo, con occhi tardi, e gravi. Dimostrasi molto nel muover degli occhi delle qualità dell’animo, perciocchè coloro li quali muovono la luce dell’occhio soavamente o con tardità, o con le palpebre quasi gravi in parte gli cuoprono, dimostrano l’animo loro esser pesato ne’ consigli, e non corrente nelle diliberazioni:

Di grande autorità ne’ lor sembianti,

in quanto sono nel viso modesti, guardandosi dal superchio riso e dagli altri atti che abbiano a dimostrare levità: Parlavan rado, perciocchè nel molto parlare, se necessità non richiede, e ancora nel troppo tosto e veloce parlare, non può esser gravità, con voci soavi; perciocchè il gridare, e l’elevar la voce soperchio si manifesta piuttosto abbondanza di caldezza di cuore che modestia d’animo:

Traemmoci così dall’un de’ canti,

cioè dall’una delle parti di quel luogo: e son prese queste parole dell’autore da Virgilio nel sesto dell’Eneida, ove dice:

Conventus trahit in medios, turbamque sonantem:
Et tumulum capit,unde omnes longo ordine possit
Adversos legere, et venientum discere vultus, etc.

In luogo aperto, cioè senza alcuno ostacolo, luminoso, e alto; perciocchè del pari non si può vedere ogni cosa,