Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 LA TESEIDE


65


E’ non aveano lance i cavalieri,
     E però insiem giostrare non potero,
     Ma cogli sproni punsero i destrieri,
     E colle spade in man presso si féro
     L’un verso l’altro, e sì si scontrar fieri,
     Che maraviglia fu, a dir lo vero:
     E sì de’ petti i cavai si fediro,
     Che rinculando a forza in terra giro.

66


Ma non per tanto il valoroso Arcita
     Su l’elmo colla spada a Palemone
     Diede un tal colpo, ch’appena la vita
     Gli rimanesse fu sua opinione:
     E ben credette alla prima ferita
     Che terminata fosse lor quistione:
     Ma poichè sotto ’l buon destrier caduto
     Si vidde, su si levò senza aiuto.

67


E Palemon nel cader del cavallo
     Percosse il capo sopra ’l verde prato,
     Il che accrebbe il gran mal senza fallo
     Ch’aveva, per lo colpo a lui donato
     Dal buon Penteo: perchè di quello stallo
     Non si moveva, anzi parea passato
     Di questa vita, ed a giacer si stava,
     E ’l buon Penteo ardito l’aspettava.