Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210 LA TESEIDE


71


E certo poichè Pallade quistione
     Con Nettuno ebbe a nomar la cittade,
     Gente adunata d’alta condizione
     Nè tanta, nè di sì gran nobiltade
     Non s’era vista per nulla stagione:
     Perchè Teseo in somma dignitade
     Il si teneva, e ’n fra l’altre sue cose
     Più degne di memoria questa pose.