Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/362

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
344 LA TESEIDE


29


Io te ne prego per quella salute
     Che tu a lui ed a me parimente
     Donasti già, e per la tua virtute
     Nota agl’iddii ed all’umana gente,
     E per l’opere tue, che conosciute
     Sono e saranno al mondo eternalmente,
     E per la fede che io ti portai,
     Mentre nel tuo servigio i’ dimorai.

30


Questa mi fia tra l’ombre gran letizia,
     Che Palemone, cui molt’amo, sia
     Tratto per me d’amorosa tristizia,
     Possedendo egli ciò che più disia:
     Pensando ancora ch’egli abbia dovizia
     Di ciò ch’egli ama, per tua cortesia,
     Almeno Emilia mentre fia in vita,
     Vedendo lui, avrà a mente Arcita.

31


E questo detto, forte sospirando,
     Tacque, cogli occhi alla terra bassati,
     Tacito seco stesso lagrimando,
     Nè quelli ardiva di tener levati:
     Onde Teseo un poco attese, e quando
     Vide ch’e’ suoi parlari eran posati,
     Quasi piangendo, assai di lui pietoso,
     Disse così con viso doloroso: