Pagina:Bonarelli, Guidubaldo – Filli di Sciro, 1941 – BEIC 1774985.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


si diletti dell’innocenza? Credete voi che si guardi d’ordir inganni, machinar offese, di far credere sospetti e gelosie agli amanti? V’ingannate. Egli è ben di natura tutt’altra di quel che voi il tenete. Amor, negli agi e nelle dolcezze in- grassato, diviene stomacoso: pinguis amor nimiumque patens in taedia nobis vertitur, et stomacho, dulcis ut esca, nocet. (Ovidio, Amor., II, 19). Amor più con amaritudine che con le dolcezze si ricrea: dulcía non ferimus, succo renovamur amaro. (Ars amai., Ili, 583). Ama i pericoli : quae venit ex tuto, minus est accepta voluptas. (Ibid., 603). Nelle prosperità si perde: saepe périt ventis obruta cymba suis. Nella pace vien meno: non bene, si tollas praelia, durât amor. (Ovidio, Amor,, I, 8). Non regna se non inganna: siqua volet regnare diu, deludat amantem. (Ibid., II, 19). Non s’assicura se non co’sospetti: fac timeat speretque simul. {Ars amai., Ili, 477).