Pagina:Bonarelli, Guidubaldo – Filli di Sciro, 1941 – BEIC 1774985.djvu/285

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


          dolcissimi riposi.
          Pria che tramonti il giorno,
          cari alberghi amorosi,
          darammi il ciel ch’i’ faccia a voi ritorno?
          Andiam, padre Apennino,
          andiam. Ma qual dolcissim’armonia,
          quanto più m’avvicino,
          sento nel voi de’ zeffiri vezzosi ?
          Coro dell’aure
          Giovinetta gentile,
          che l’alme involi co’ begli occhi tuoi,
          godi, godi, or che puoi,
          di tue bellezze il desiato aprile.
          Apennino
          Non fu già si canoro
          sul grand’ Ida selvoso
          de l’aure lusinghiere amabil coro,
          né si vaghi e si spessi
          apri fiori novelli il prato erboso,
          allor che desioso
          Giove si strinse ai coniugali amplessi,
          e coprendo i dolcissimi congressi,
          quasi tetto amoroso,
          stillar sopra di loro
          nettare rugiadoso
          con rosati contorni i lembi d’oro,
          come son queste note
          ch’emuli invidiosi
          alternan fra di lor l’aura e gli augelli,
          come i fiori novelli
          di questi prati erbosi,
          e come il vivo gelo
          con che imperla quest’erbe amante il cielo.