Pagina:Bonvesin de la Riva - Meraviglie di Milano.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Fino alla metà del passato secolo delle opere di Bonvesin dalla Riva non era a stampa che il poemetto in versi latini De vita scholastica. Fu stampato la prima volta in Milano «per Dominicum de Vespolate et Jacobum de Marliano, 1479, die XXVI januarii», in 4°, 18 fogli. Il Brunet accenna ad altre edizioni: di Milano, 1490; Parma, 1495; Venezia, 1496 e 1507 per Melchior Sessa; Torino senz’anno, ma fine del sec. XV. Uscì ancora a Venezia nel 1533, a Milano per G. A. da Borgo, nel 1532; col titolo De disciplinorum praeceptorumve moribus, Opus metricum, a Brescia per Ludovico Britannico nel 1542. A giudicare dalle molte edizioni, il trattatello fu assai diffuso e apprezzato nello scuole.

La maggior parte dei «Volgari», circa 4500 Versi, fu pubblicata per la prima volta da Immanuel Bekker nei Monatsberichte über die zur Bekanntmachung geeigneten Verhandlungen der Kgl. Preussichen Akademei der Wissenschaften zu Berlin, anni 1850 e 1851, da un codice del sec. XV, di buona lezione, acquistato