Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/181

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

161

missione della civiltà. Onde egli, il Re, prepara i nuovi tempi alla Patria nostra e sempre più ne stringe la fede e le opere della Monarchia storicamente fatidica, popolarmente nazionale, presidio e propiziazione perenne per la libertà, la gloria e la felicità delle genti italiane. (Approvazioni vivissime. Applausi prolungati).