Pagina:Breve dissertazione contra gli errori de moderni increduli - Liguori.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Parte I. Cap. I. 17

la materia, ne nascerebbe che di presente vi sarebbero in questo Mondo infiniti Uomini, infiniti bruti, infinite piante; poiché procedendo da una eternità, il loro numero dovrebbe essere infinito; ed infinita dovrebbe essere ancora la Terra, per potervi capire questi infiniti oggetti materiali: quandoché noi vediamo all’incontro, che questa Terra è limitata, e finita.

Il quarto assurdo è, che se il Mondo fosse ab æterno, dovrebbe anche in eterno permanere; onde tutte le cose che lo compongono dovrebbero altresì durare necessariamente in eterno: il che evidentemente è falso. E lo proviamo così: Se il Mondo è da sè, ed eterno a parte ante, egli è intrinsecamente necessario ed indipendente: e s’è necessario ed indipendente, dev’essere necessariamente eterno a parte post, poiché la sua esistenza è identificata colla sua natura: onde non può non esistere; Altrimenti ne nascerebbe la contraddizione, che sarebbe