Pagina:Bruno - Cena de le ceneri.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
60 la cena delle ceneri

ne ferno questo favore di mostrarne la porta. Andiamo dentro, montiamo su, troviamo, che, dopo averci molto aspettato, disperatamente s’erano posti a tavola a sedere. Dopo fatti i saluti ed i risaluti. -

Pru. Vicissim.

Teo. Ed alcune altre piccole ceremonie, tra quali si fu questa da ridere, che ad un de’ nostri essendo presentato l’ultimo loco, e lui pensando, che là fusse il capo, per umiltà voleva andar a seder dove sedeva il primo, e qua si fu un picciol pezzo di tempo in contrasto tra quelli, che per cortesia lo voleano far sedere ultimo, e colui, che per umiltà volea seder il primo, in conclusione M. Florio sedette a viso a viso d’un cavaliero, che sedeva al capo de la tavola, il signor Folco, a destra di M. Florio, io ed il Nolano a sinistra di M. Florio, il dottor Torquato a sinistra del Nolano, il dottor Nundinio a viso a viso del Nolano. Qua per grazia di dio non viddi la ceremonia di quell’urciuolo, o bicchiere, che suole passar per la tavola a mano a mano, da alto a basso, da sinistra a destra, ed altri lati, senza altro ordine, che di conoscenza, e cortesia da montagne; il quale, dopo che quel, che mena il ballo, se l’ha tolto di bocca, e lasciatovi quella impanatura di pinguedine, che può ben servir per colla, a presso beve questo, e vi lascia una mica di pane, beve quell’altro e v’affigge a l’orlo un frisetto di carne; beve costui e vi scrolla un pelo de la barba, e così con bel disordine gustandosi da tutti la bevanda, nessuno è tanto malcreato, che non vi lasci qualche cortesia de le reliquie, che tiene circa il mustaccio. Or se a qualcuno, o perchè non abbia stomaco, o perchè faccia del grande, non piacesse di bere, basta che solamente se l’accosti tanto a la bocca, che v’imprima