Pagina:Buonarroti, Michelangelo – Rime, 1960 – BEIC 1775670.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(276) rime 131


274

 
  Deh fammiti vedere in ogni loco!
Se da mortal bellezza arder mi sento,
appresso al tuo mi sarà foco ispento,
e io nel tuo sarò, com’ero, in foco.
  Signor mie caro, i’ te sol chiamo e ’nvoco5
contr’a l’inutil mie cieco tormento:
tu sol puo’ rinnovarmi fuora e drento
le voglie e ’l senno e ’l valor lento e poco.
  Tu desti al tempo, Amor, quest’alma diva
e ’n questa spoglia ancor fragil e stanca10
l’incarcerasti, e con fiero destino.
  Che poss’io altro che così non viva?
Ogni ben senza te, Signor, mi manca;
il cangiar sorte è sol poter divino.


275

 
  Dagli alti monti e d’una gran ruina,
ascoso e circunscritto d’un gran sasso,
discesi a discoprirmi in questo basso,
contr’a mie voglia, in tal lapedicina.
  Quand’el sol nacqui, e da chi il ciel destina,5

· · · · · · · · · · ·
.


276

 
  Passa per gli occhi al core in un momento
qualunche obbietto di beltà lor sia,
e per sì larga e sì capace via
c’a mille non si chiude, non c’a cento,