Pagina:Buonarroti, Michelangelo – Rime, 1960 – BEIC 1775670.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(42) rime 21

40

 
  Quand’Amor lieto al ciel levarmi è volto
cogli occhi di costei, anzi col sole,
con breve riso ciò che preme e dole
del cor mi caccia, e mettevi ’l suo volto;
  e s’i’ durassi in tale stato molto,5
l’alma, che sol di me lagnar si vole,
avendo seco là dove star suole,

· · · · · · · · · · ·


41

 
  Spirto ben nato, in cu’ si specchia e vede
nelle tuo belle membra oneste e care
quante natura e ’l ciel tra no’ può fare,
quand’a null’altra suo bell’opra cede:
  spirto leggiadro, in cui si spera e crede5
dentro, come di fuor nel viso appare,
amor, pietà, mercé, cose sì rare,
che ma’ furn’in beltà con tanta fede:
  l’amor mi prende e la beltà mi lega;
la pietà, la mercé con dolci sguardi10
ferma speranz’ al cor par che ne doni.
  Qual uso o qual governo al mondo niega,
qual crudeltà per tempo o qual più tardi,
c’a sì bell’opra morte non perdoni?


42

 
  Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei
veggono ’l ver della beltà c’aspiro,
o s’io l’ho dentro allor che, dov’io miro,
veggio scolpito el viso di costei.