Pagina:Cagna - Alpinisti ciabattoni.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44


tu non hai bisogno nè del pane, nè del companatico; ma se con questi lumi di luna, se in mezzo a tanta miseria di affamati che riempiono il mondo, tu non pensi che ad estenuarti con le glorie gialle del sole Flavo, e coi lombi audaci della stornellatrice resupina, vai a farti turco! chè queste cose un buon cristiano le può vaneggiare in un momento di malsana vertigine, ma non avrà mai tanto stomaco da buttarle in carta, e farle correre per il mondo. — Delle robe che fanno nausea ce ne sono abbastanza in prosa senza bisogno di sporcare la poesia con queste trosce da lumacone!»

La caffettiera diede in tavola il salame ed una caraffa di vinello che rallegrava con la sua rubea trasparenza.

Poi vennero le uova sfriggolanti nel tegamino, con un profumo soave di cipolla soffritta, profumo ben noto, che richiamava alla signora Martina le placide consolazioni domestiche, e la gioconda armonia della sua famigliola.

Poveretta, le pareva di esser lontana di un secolo dalla sua vecchia casa di Sanazzaro, da quella sua ampia cucina, dove con tutta la comoda libertà delle sue pantofole, senza busto, senza cappello, accudiva alle sue faccenduole.