Pagina:Camerini - Donne illustri, 1870.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
248 Donne illustri.


roso che ottenne la bellissima giovane fu, volti quattro anni, il generale Leclerc, innamoratosi perdutamente di lei mentre era capo maggiore della divisione a Marsiglia. Il Leclerc passò poi al comando dell’esercito di Portogallo; ma di là fu richiamato da Bonaparte a capitanare la spedizione destinata a vincere la ribellione di San Domingo. Bonaparte volle che Paolina accompagnasse il marito: ed ella che gli era interamente devota, e noncurante allora degli spassi di Parigi, non fu ritrosa ad obbedire; anzi s’imbarcò lietamente col marito e il figlioletto che avea di lui.

La fortuna si mostrò nemica ai francesi. La febbre gialla ne fè strage, e i negri, veduto il bello, sollevarono il Capo, ove risiedevano il capitano e sua moglie. Christophe, Claîrvaux e Dessalines spinsero undici mila uomini contro i pochi francesi avanzati alla furia del morbo. Il Leclerc con poche centinaia di volontari, reliquie del fioritissimo esercito, riuscì, difendendosi eroicamente, a salvare la città; ma quando era in forse del successo, commise che la moglie e il figlio fossero condotti a bordo delle navi francesi. Ella, non piegandosi alle preghiere ed alle lagrime delle signore della città, che sapevano a quali nemici poteva cadere in mano, rispondeva: — Voi dovete piangere, voi; voi non siete come me sorelle di Bonaparte. Io non partirò che con mio marito o morrò. — Il generale, avvertito di questo indugiare e credendo inevitabile la presa del Capo, mandò un aiutante di campo con ordine di fare imbarcare per forza sua moglie, suo figlio e le signore della città. Convenne obbedire. Ma non prima ella giunse al luogo dell’imbarco che un aiutante di campo arrivò e le disse che i negri erano stati sconfitti. — Lo sa-