Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


sbattere delle pose arcane e violente delle barbare regine antiche travolte avea udito Dante spegnersi nel grido di Francesca là sulle rive dei fiumi mettono foce mentre che stanchi di guerra mettono foce, mentre su le loro rive si ricrea la pena eterna dell'amore. E l'ancella l'ingenua Maddalena dai capelli ispidi e dagli occhi brillanti chiedeva in sussulti dal suo corpo sterile e dorato crudo e selvaggio dolcemente chiuso nell'umiltà del suo mistero. La lunga notte spirituale trascorreva ne l'inganno de le varie immagini.


Ai cancelli d'argento de le prime avventure si affacciavano le antiche imagini addolcite da una vita d'amore come a proteggermi ancora di un