Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


roccioso le rifondeva allungate perdute. Il canto fu breve: una pausa, un commento improvviso e misterioso e la montagna riprese il suo sogno catastrofico: il canto fu breve: le tre fanciulle avevano espresso disperatamente nella cadenza millenaria la loro pena breve ed oscura e si erano taciute nella notte. Tutti erano rientrati, tutte le finestre erano accese. Ero solo
Le nebbie sono scomparse. Esco. Mi rallegra il buon odore casalingo di spigo e di lavanda dei paesetti toscani. La chiesa ha un portico a colonnette quadrate di sasso intero: nudo ed elegante, semplice