Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


,un castello isolato e lontano: e al fine stia bianca e elegante tra il verde, melodiosa di castelli sereni. vegliata dal castello antico: dopo le solitudini primo saluto de la vita felice del paese nuovo: poesia toscana ancor viva nella piazza armoniosa di voci vegliata dal castello antico: signore ai balconi poggiate il puro profilo mollemente nella sera: l’ora di grazia della giornata, di riposo e di oblio.
Al di fuori si è fatta la quiete.
Il colloquio fraterno del cavaliere continua:

Comme deux ennemis rompus
Que leure haine ne soutient plus