Pagina:Campanella, Tommaso – Poesie, 1938 – BEIC 1778417.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 scelta di poesie filosofiche


come Amor fa che il vacuo tiri a sé gli corpi, e la materia le virtú agenti; che per lui fu distinto il mondo, e per lui nasce ogni cosa, e si fugge la mortalitá e ’l male; ch’egli unisce le republiche e’ regni e l’amicizia, la quale è un perfetto amore, che accomuna gli beni tutti, per conservar gli amici insieme contra il male; ch’è quasi fratello della speranza, la quale è spirata dalla voluttá eterna, che vince la Possanza e ’l Sapere. Qui ci vuol la Metafisica.

29

Della bellezza segnal, del bene, oggetto d’amore

CANZONE

madrigale 1

L’amor essenzial, cui son radici
senno e valor nativi, donde in terzo
s’integra ogni esser, si conserva e chiama
bontá, veritá e vita, a grande scherzo,
in voglie accidental, difTonditrici
dell’essere, come arbor, si dirama,
o perché in sé l’ha a perdere, o per mostra
di suo’ beni a bear altri chi s’ama.
Talché un Cupido in ciel di copia nasce
gioiendo; e con ambasce
qui d’inopia un, che pasce
pur letizia di vincere la giostra
contra il morire in questa bassa chiostra.
Or fra le cose ancor, che tutte buone
a sé, al mondo e a Dio, perché salute
sono all’aitre o fatal destruzione,
pose un gran segno la prima virtute.

Amor essenziale è quello col quale ogni ente ama se stesso, e nasce dal potere e sapere l’esser proprio. E questo amor si divide quasi in rami di amor accidentale, ch’è quello col quale