Pagina:Canti (Leopardi - Donati).djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 i. canti

queste campagne dispogliate adorni,
300anche tu presto alla crudel possanza
soccomberai del sotterraneo foco,
che ritornando al loco
giá noto, stenderá l’avaro lembo
su tue molli foreste. E piegherai
305sotto il fascio mortal non renitente
il tuo capo innocente:
ma non piegato insino allora indarno
codardamente supplicando innanzi
al futuro oppressor; ma non eretto
310con forsennato orgoglio inver’ le stelle,
né sul deserto, dove
e la sede e i natali
non per voler ma per fortuna avesti;
ma piú saggia, ma tanto
315meno inferma dell’uom, quanto le frali
tue stirpi non credesti
o dal fato o da te fatte immortali.