Pagina:Canti di Castelvecchio.djvu/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


note 225

vermena. Veramente qui si usa vermella per dire ramicello.

verno. Non si dice in inverno.

vignuolo. Viticcio.

vinciglio. Ramo di castagno, nel fusto, tagliato per seccarlo e governarne le bestie nel verno.

vizzato. È uva forestiera.

vocerìo. Vocìo.

volastro. Buono a volare.

volastruccio. Balestruccio.

zeppala. Bietta.

* grecchia. Specie di stipa più piccola che fiorisce in autunno. Cesti.

* Lombardo. Si chiamano lombardi i modenesi dei monti, a confine coi toschi (così li chiamano). Son uomini alti, quadrati, biondi, con occhi cerulei : veri langobardi; e sono poveri e forti, e vengono ogni anno in Toscana donde muovono per le isole e anche per l’Africa, a segare e squadrare legna. Essi, che sono imaginosi e poetici, grandi raccontatori di fole a veglia, dicono che la cinciallegra dà a loro il segno della partenza, cantando tent’ a su. E pare, in verità.

* sicceccè. Verso del saltimpalo, formato dal popolo con molta esattezza.

* tecco. Intirizzito o inferito.

* uccellino del freddo. Lo sgricciolo, detto cocla o guscio di noce dai romagnoli. Questo e altro il lettore potrà imparare intorno al grazioso uccellino da un vispo libretto di A. Bacchi della