Pagina:Capuana - Come l'onda.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



— Mettetevi nei miei panni! — esclamò Bozzani.

I tre amici, che vuotavano con lui spumanti bicchieri di birra in quell’angolo appartato del Caffè Nuovo, scoppiarono in una sonora risata. Erano tutti e tre grassi, con pance sporgenti, con facce piene, rotonde, da frati gaudenti; e lui, invece, era così magro, così esile che fin l’abito grigio, stretto, assestato, sempre abbottonato com’egli usava di portarlo, in certi momenti non sembrava lavorato su misura, ma comprato bell’è fatto in un negozio qualunque.

Bozzani, dopo un istante di sbalordimento per la inattesa risata, riprese:

— È un modo di dire; ma già voialtri non potete mettervi nei miei panni neanche moralmente. Pure vorrei sapere che avreste fatto nel caso mio, se non foste tutti e tre scapoli impenitenti. Ah! Ma non resta scapolo chi vuole. E noi ci crediamo stupidamente liberi di fare o di non fare, anche quando le circostanze ci impongono la loro violenta necessità, e ci fanno oprare tutt’all’opposto di quel che avremmo voluto. L’essere scapoli non garantisce. Voialtri, tutti e tre, avete tre amanti. È peggio di avere tre mogli.


— 107 —