Pagina:Capuana - Come l'onda.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

157


— Avresti risposto anche tu come me, là, davanti ai commessi e agli altri avventori:

— Buon giorno! Grazie! — Grazie di che? ora che ci ripenso. E lei ebbe la imprudenza.... ci siamo? di continuare — Che vuoi? Cose che accadono nella vita.... Se potessi spiegarti!

E non le voltavo nemmeno le spalle, non avevo il coraggio di piantarla là, in asso! Avrei dovuto schiaffeggiarla.... Intervenne il commesso: — La signora desidera?... — Vi sembra possibile che sia accaduto tutto questo?

— Tua moglie, se non altro, è una donna di spirito — disse Gilletti. — E poi?

— E poi?... È andata via, ripetendomi con tanto di faccia tosta: — Se potessi spiegarti!... — Attendeva la mia risposta; ma capì che stava per essere quale non l’avrebbe voluta.... Ci siamo? Perchè uno può smarrirsi come un ragazzetto colto in fallo, ma.... un solo momento! Dovette leggermi negli occhi intorbidati.... Oh! È impossibile! È assurdo!

— Ma niente incredibile! Niente assurdo! — rispose Cantelli. — Intanto levati il cappello e il soprabito, e mangia la minestra che ti si fredda. Si tratta di sintomi buoni: prodromi di riconciliazione. Il pentimento è evidente. Tu dovresti passarti una mano su la coscienza e riconoscere quanto hai contribuito, da parte tua, a farle commettere la sciocchezza....

— La chiami sciocchezza? Ci siamo?

— Per la donna è una sciocchezza. Qualunque cosa una donna pensi e faccia, è una sciocchezza....

— Anche se disonora.... se ammazza?

— In questo caso poi è assai peggio che una sciocchezza. Le donne, secondo me, possono, devono qualche volta, essere ammazzate, ma ammazzare mai.

— Disonorare.... è più di ammazzare!... Lasciami