Pagina:Capuana - Come l'onda.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194

— Bellissima.

— Bionda?

— Bruna, con capelli neri, ondulati. Venticinque anni.

— Dote? — fece il signor Bompiani.

— Non ho voluto saperlo.

— Ora, scusa, caro Romano, hai avuto troppa fretta.

— Per carità, non mi sconsigliate! Non saprei risolvermi mai più, mai più!... Ci siamo trovati vicini per caso, in mezzo alla folla. — Si diverte? — mi domandò lei. — Mi diverto poco dapertutto — risposi... io. — Scusi, noi ci parliamo senza essere presentati — soggiunse. — Possiamo, se lo crede necessario, presentarci a vicenda — feci io. — Serbiamo l’incognito intanto — replicò lei. — Ci sarà il caso di svelarlo dopo? — dissi. — Tutto può darsi a questo mondo — rispose lei.... Ci guardavamo, sorridendo, negli occhi. — È strano: mi sembra di esserci già conosciuti — ripigliò. — Forse. Stavo per dire la stessa cosa — continuai. — Sa? Sono fatalista. Credo che tutto quel che avviene nella vita sia disposto, preparato, senza che la nostra volontà c’entri per niente — fece lei, dopo un istante di esitazione.

— Brava! E come è andata a finire? — lo interruppe la signora Bompiani, incuriosita.

— C’è bisogno di domandarlo? — soggiunse il marito.

— È finita là, — disse Romano. — Ma so dove rintracciarla.