Pagina:Capuana - Come l'onda.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88


Un fremito d’indignazione lo scoteva da capo a piedi, quasi quel vile speculatore avesse tentato di profanare l’immagine purissima del suo ideale.... Del suo amore! Non lo dicevano le parole, ma i palpiti del suo cuore, che in quel momento soffriva sotto l’impeto improvviso di una adorazione lungamente repressa.

L’antiquario gli vide buttar lestamente sulla statua il logoro panno, che prima l’avvolgeva.

— Non lo vedrà più nessuno! Mai! E poi, se ne ricordi in avvenire: io non sono un mistificatore, un ciarlatano!...

— Con questi scrupoli.... si capisce!

E l’antiquario andò via senza neppur salutarlo.