Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 luigi capuana


Don Mignatta si sentì buttare addosso un catino d’acqua fredda. Per darsi un contegno, spiegò il biglietto guardandolo contro luce.

— E’ di quelli falsi — disse comare Grazia, un po’ piccata di quest’atto di diffidenza. — Non ne abbiamo altri.

E diè in una bella risata che parve illuminasse quella brutta stanzaccia.

Entrò il marito:

— Deve scusarmi. Io non avrei mai osato, quantunque non ci fosse stato niente di male. Uno domanda: Acconsentite a questo e questo? E l’altro può rispondere: Sì! No! E amici più di prima. Ma questa qui — le donne, quando si mettono in testa una cosa, picchia, ripicchia, non ci lasciano in pace! — questa qui: Io ne parlerei a don... Calogero — ci corse poco che non gli scappasse detto don Mignatta! — Lui può favorirci, se vuole; senza suo interesse, s’intende... E’ stato così gentile, figurati! Non ha voluto neppure il pegno!

Don Mignatta spalancava gli occhi e gli orecchi sentendo che c’entrava lui...

— Se posso... con le mani e coi piedi, come suol dirsi!

Allora parlò la donna, coi gesti, con gli occhi,