Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 luigi capuana


— La prego... non ricominci!

— Non ricomincio perchè non cesso un istante. Come sarei felice di compensarla di tutte le delusioni della sua vita!

— Presume troppo! E poi, chi le ha detto che io abbia avuto delusioni?

— Si vede! Tonghi è un brav’uomo, ma intollerabile, asfissiante, anche per coloro che lo avvicinano a intervalli; figuriamoci quale dev’essere per lei che ha avuto la sventura!...

— E’ una sua sciocca supposizione.

— All’occhio di chi vuol bene non sfugge niente!

— Certi occhi travedono, secondo il proprio interesse. La prego; non mi costringa a ricorrere a mezzi che mi repugnano... Glielo dico per l’ultima volta.

— Da quasi un anno sto in adorazione davanti a lei...

— E’ troppo ostinato.

— Come tutti coloro che amano davvero... Non mi spinga a commettere qualche pazzia!

— Non so in che modo potrei impedirglielo.

— Con l’avere pietà di me!... Con l’amarmi un po’!