Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
200 luigi capuana

che questo ridicolo Filiberto mi abbia mai fatto piacere? L’ho annullato così.

— Quando penso che mia moglie dovrebbe essere chiamata: la signora Coscia... mi sento correre i brividi per tutta la persona.

La invincibile fissazione era questa: — Sua moglie sarebbe chiamata: la signora Coscia!

— Ah! Ah! — sbuffava a volte in camera — Certi sconci cognomi andrebbero proibiti per legge!

E dire che Alberto Coscia non era solamente un buon giovane, una gentilissima persona, ma pure un giovane colto, a cui l’agiatezza ereditata dal babbo e, più, da uno zio, permettevano di menare quella ch’egli qualificava vita di niente, per significare non occupata in una professione, in un negozio, in un’impresa industriale qualunque!

— Mangio, dormo, passeggio!...

Oh! Esagerava, per modestia, e anche per delusione di non sapere in che modo raggiungere un certo suo mistico ideale. Proprio: mistico! Quel cognome — Coscia! — per ciò gli pareva la disastrosa influenza, il motto cabalistico di iettatura che incombeva su la sua vita.

— Tant’è vero — concludeva il pittore di anitre e di oche — che uno, quando non ha nes-