Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
222 luigi capuana


— O tutt’e due!

— Come? Dopo tant’anni? Che noia gli dava?

— Appunto, forse, perchè accettava tranquillamente il fatto compiuto.

— E’ un’infamia! E nessuno li denunzia?

— Non ci sono interessati a farlo. Si è trovato un testamento di parecchi anni fa, col quale egli istituiva sua erede universale la moglie.

— E così, ora, don Neli Tasca sposerà la vedova e si godrà....

— Don Neli Tasca è furbo: non sposerà. Con quella donna, non si sa mai....

— E dire che è stato un matrimonio di amore! I parenti di lei non volevano. — Chi sposi? Uno che ancora non ha nè arte ne parte? — Allora Natale Mirone era studente di terz’anno in legge. Vista l’ostinatezza di lei, i parenti, all’ultimo, acconsentirono. La cerimonia religiosa fu quasi lugubre. A sera avanzata, non eravamo una diecina nell’ampia chiesa di cui poche candele accese sull’altare di una cappella rischiaravano l’oscurità. La sposa vestita dimessamente, con l’abito di tutti i giorni, accompagnata soltanto da una zia e dalla madre di lui, tutte e tre con quegli scialli neri che io non ho potuto mai tollerare e che mi mettono di