Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

un sogno 227

Il sogno era stato questo.

Gli era parso di vedersi davanti al letto l’amico, entrato senza far rumore, quantunque l’uscio della camera fosse rimasto chiuso col paletto interno.

— Tu? E mi hanno detto che sei morto!

Si era rizzato a sedere sul letto, tendendogli le mani.

— Non si muore; sono più vivo di prima.

La voce era esile e le parole parevano tremolare, quasi ondulare dietro la gola prima di uscire dalle labbra smorte che si movevano appena.

— Son venuto per ringraziarti di quel che hai detto ieri sera di me. E’ vero: mi hanno avvelenato!...

— Dunque sei morto!

— Non si muore, ti ripeto. Si sparisce, perchè gli occhi nostri non riescono a vedere.

— Che posso fare per te? Denunziarli?

— E’ inutile.

— Dovranno godersi il tuo patrimonio gli assassini? Hai lavorato tanto! E’ una infamia!

— Non se lo godranno. Vedi? Questo è il mio