Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




Da qualche tempo in qua Edmondo Peretti, in quella stanza d’ufficio dove avrebbe dovuto lavorare assieme col suo collega Taranzi, si distraeva a leggere gli avvisi economici del Giornale d’Italia ed a protestare contro l’immoralità di certe corrispondenze private.

— Che te n’importa? — gli disse un giorno Taranzi. — Costano, sai? Vuol dire che c’è gente che può spendere quattro, cinque lire e anche dieci, e che le risparmierebbe se fosse in caso di servirsi del mezzo ordinario della posta. Io, con cinque centesimi, mando alla mia sartina un letterona di due fogli. Vuol dire...

— Vuol dire — lo interruppe Peretti — che è uno scandalo e che il Governo dovrebbe impedirlo!