Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
306 luigi capuana


— Quel che volete darmi a credere d’ignorare. Bravo! Siete davvero un uomo!

Era rimasto di sasso, per alcuni momenti, dopo di aver insistito per strappar di bocca al farmacista la notizia. Poi, incredulo, aveva risposto ironicamente:

— Tornerà dall’America domani l’altro!

Non pianse, non si disperò: solamente si sentì come svaporare dal cuore ogni bontà, ogni dolcezza, ogni gentilezza; si sentì cambiare da così a così, quasi lo avessero scorticato e gli fosse venuta su una pelle nuova affatto diversa. Tanto diversa che quando qualcuno lo chiamava per nome egli, su le prime dubitava che parlassero con lui, ma con qualche altro che si chiamava Pietro La Rocca, com’egli forse si era chiamato una volta.

Era stato uno sconvolgimento terribile, durato parecchi mesi e ch’egli aveva voluto, per dignità, nascondere a tutti.

Le persone che gli volevano bene non gli accennavano neppur dalla lontana alla sciagurata che era fuggita con l’amante nell’Argentina; e avevano