Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 luigi capuana

con gran rumore di tamburo, di gran cassa e di piatti. Poi fatto onore al montone al forno — pietanza tradizionale in quella occasione — veniva ripresa la passeggiata per le vie, dietro il ’Ntio! ’Ntio! della campanella, con rinforzo di passi doppi, allegramente stuonati e grida degli sfaccendati che li seguivano:

— Viva la Misericordia di Dio!

Nino voleva fare le cose alla grande.

Lo zi’ Scatà, il tavernaio, in maniche di camicia con le mani incrociate sul pancione, proponeva:

— E se cuocessimo due fili di maccheroni?

— No, si andrebbe troppo per le lunghe.

— Anzi! Il sugo li fa scivolare giù per la gola meglio di ogni altra cosa.

— Vada pei maccheroni!

— Vino di Vittoria, arrivato fresco fresco!

— E senza battezzarlo, mi raccomando.

— Lo zi’ Scatà è cristiano, ma il vino lo vuole turco...

— Per sè. Ma per gli altri?

— E càlia e fave arrostite a disposizione dei bevitori.

— Tutto pronto per la mezzanotte.