Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 215 —


Andrea mancava di rado; un’aura di fortuna lo favoriva, dopo una disdetta di parecchi mesi. Quella sera però non si sentiva in vena; era di cattivo umore.

— No, non seggo — rispose al Ratti, che voleva fargli posto accanto a sè.

E andò vicino al cavalier Mochi, da cui gli era stato accennato d’accostarsi.

— Sapete? L’ha messo alla porta il povero Merli.

— Come ne sarà contento! — rispose Andrea.

— Ah, questa è carina!

— Che c’è di nuovo? — domandò Porati, alzando il suo faccione apoplettico, rimescolando le carte.

Mochi ripetè la risposta d’Andrea.

— Non è carina?

— Perfetta!

Mentre tutti ridevano, il Mochi s’era piegato verso l’orecchio del ricevitore, che si mangiava i baffi zitto zitto.

— Un giorno o l’altro — gli disse — Giacinta farà lo stesso con lui. Il dottor Follini sta per dargli il gambetto.

Colui continuò a rodersi i baffi, senza rispondere; perdeva.

— Ecco il vostro fante di cuori! — esclamò il Porati, rivolgendosi a Gerace.

Andrea, dopo aver risposto col capo che quella sera non giocava, a un tratto, mutato parere, cavò dal portamonete un biglietto da cinquanta, lo avvolse a pallottola e lo buttò sul tappeto verde. Il fante di cuori vinceva.

— E bisogna anche pregarvi! — disse il Porati con stizza.

Ratti insisteva perchè Andrea andasse a sederglisi accosto: