Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 29 —


II.

Verso le undici erano rimasti nel salotto soltanto il commendatore Savani, il capitano Ranzelli e Andrea Gerace.

La signora Marulli, stretta la mano alla signora Villa che andava via facendosi accompagnare dal Merli e dal Porati, si era avvicinata al Ranzelli già sul punto di prendere commiato.

— Capitano, — gli disse — questa sera avete un’aria... una cert’aria!... Non saprei...

E intanto lo guardava negli occhi, come per strappargli un segreto.

— Può darsi — rispose Ranzelli — che questa sera sia una delle poche veramente felici della mia vita.

— Per parlare così — aggiunse Giacinta, fermata più in là col Savani — aspetti che sia passata da un pezzo!

Ranzelli s’inchinò, muto, sopra pensiero, intanto che la signora Marulli lanciava un’occhiataccia alla figlia.

— Testolina! — disse a questa il commendatore, tentando di accarezzarle i capelli.

Ma ella si trasse indietro, e alzò il ventaglino per sviargli la mano.

Appena il capitano fu andato via, Giacinta fece un piccolo giro attorno, con aria di annoiata; poi, sedutasi al pianoforte, cominciò a suonare a mezzo tono una melodia del Ballo in maschera. Andrea la raggiunse come per voltarle i fogli, mentre il com-