Pagina:Castiglione - Il libro del Cortegiano.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro primo. 25


prima dato impression alcuna di sè stessi con l’opere o buone o male: subito ché s’intenda l’un esser nato gentiluomo e l’altro no, appresso ciascuno lo ignobile sarà molto meno estimato che ’l nobile, e bisognerà che con molte fatiche e con tempo nella mente degli uomini imprima la buona opinion di sè, che l’altro in un momento, e solamente con l’esser gentiluomo, averà acquistata. E di quanta importanza siano queste impressioni, ognun può facilmente comprendere: chè, parlando di noi, abbiam veduto capitare in questa casa uomini, i quali essendo sciocchi e goffissimi, per tutta Italia hanno però avuto fama di grandissimi Cortegiani; e benchè in ultimo siano stati scoperti e conosciuti, pur per molti di ci hanno ingannato, e mantenuto negli animi nostri quella opinion di sè che prima in essi hanno trovato impressa, benchè abbiano operato secondo il lor poco valore Avemo veduti altri al principio in pochissima estimazione, poi esser all’ultimo riusciti benissimo. E di questi errori sono diverse cause: e tra l’altre, la ostinazion dei signori, î quali, per voler far miracoli, talor si mettono a dar favore a chi par loro che meriti disfavore. E spesso ancor essi s’ingannano; ma perchè sempre hanno infiniti imitatori, dal favor loro deriva grandissima fama, la qual per lo più i giudicii10 vanno seguendo: e se ritrovano qualche cosa che paja contraria alla commune opinione, dubitano d’ingannar sè medesimi, e sempre aspettano qualche cosa di nascosto: perchè pare che queste opinioni universali debbano pur esser fondate sopra il vero, e nascere da ragionevoli cause; e perchè gli animi nostri sono prontissimi allo amore ed all’odio, come si vede nei spettacoli de’ combattimenti e de’ giochi e d’ogni altra sorte contenzione, dove i spettatori spesso si affezionano senza manifesta cagione ad una delle parti, con desiderio estremo che quella resti vincente e l’altra perda. Circa la opinione ancor delle qualità degli uomini, la buona fama o la mala nel primo entrare move l’animo nostro ad una di queste due passioni. Però interviene che per lo più noi giudichiamo con amore, ovvero con odio. Vedete adunque di quanta importanza sia questa prima impressione, e come debba sforzarsi d’acquistarla buona nei principii, chi pensa aver grado e nome di buon Cortegiano.