Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 1.djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

177

A BONAVENTURA

CARDINAL DA. PADOVA (A).


I. L’esorta ad esser colonna ferma e stabile di santa Chiesa, con esaltare la verità, mostrando come questa virtù della fortezza s’acquisti mediante l’umiltà e l’amore, nel conoscimento di sè medesimo, e della bontà di Dio, e suoi beneficj verso di noi.

II. Come l’anima unita con Dio per mezzo della fortezza e dell’altre sopraddette virtù, non può essere da lui separata per mezzo d’alcuna creatura; e come Dio non è accettatore di lunghi o tempi, ma solo del santo desiderio, con che lo prega a volere ajutare la santa Chiesa, ed il sommo pontefice nelle sue necessità.

Lettera 30,

Al nome di Jesù Cristo crocifisso e di Maria dolce.


I. Reverendissimo padre in Cristo dolce Jesù. Io Catarina, serva e schiava de’ servi di Jesù Cristo, scrivo a voi nel prezioso sangue suo; con desiderio di vedervi una colonna ferma e stabile nel giardino della santa Chiesa, acciocchè con la fermezza e stabilità vostra e degli altri, sia fortificata la fede nostra, esaltiate la verità e confondiate la bugia; dirizziate la navicella della santa Chiesa, la quale è percossa dalle onde del mare tempestoso della bugia e scisma, levate


S. Caterina da Siena. Opere. T. III. 12