Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di alcuni traduttori di catullo. 145

autore.

Può risparmiarsi la pena del resto. Il passer ameno mi ricorda l’ameno del fosso anacoreta, come il Prati si è degnato di chiamare il rospo; il morso ardito del passero è meno ardito di lei, che si è voluto cacciare in questi gineprai; il bel foco e il qualor vien voglia mi fan venire la voglia di mettere il foco, più o men bello per avventura, sotto la pancia del suo Pegaso, perchè prenda un po’ il galoppo (il Pegaso, non lei). Dia retta a un mio consiglio, sor Lanzi, lei è una buona pasta d’uomo, un vero olio di Lucca: lasci Catullo agli scapestrati, e vada in canonica a tradurre il messale. (Mentre il Lanzi si allontana sospirando, si ode una voce bianca, che canta in falsetto pecorino quell’aria di Metastasio):

D’amore il primo dardo
Che m’ha piagato il san
Venne dal tuo bel guardo,
Fille, mio caro ben,
Mia dolce pena.

autore.

O che maniera è questa d’entrare in casa dei galantuomini cantando?

parmindo (facendosi avanti).

Mille perdoni, credevo d’essere ancora nelle selve beate d’Arcadia:

Nei campi e nelle selve
Seguiva già le belve....

Mi chiamo Parmindo Ibichense, pastorello d’Arcadia:

Chi provato ha la procella,
Benché fugga il vento infido....

Rapisardi 13