Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

intima lotta ed aperti disdegni. 181

14.

A LESBIA.


Qua, qua, terribili giambi, accorrete
     Quantunque in numero, dovunque siete.
Son io si debole, così dappoco
     4Che una vil femmina mi prenda a gioco?
Stolta! nè rendermi vorrà più mai
     Le dolci lettere ch’io le mandai?
Su, giambi, diamole caccia e rovello;
     8Senta il terribile vostro flagello!
Chi sia, chiedetemi? Ecco, a la prima
     L’accusa il ritmico passo di mima,
E il ghigno stupido, ch’esosa e sciocca,
     12Pari a can gallico, tien su la bocca.
Su, i vostri fulmini, giambi vibrate,
     E a la vil femmina così gridate:
O tu che traffichi te stessa e vendi,
     16O sozza adultera, quei fogli rendi!
Non cavi un misero asse bacato,
     Feccia, postribolo, dal tuo mercato?
Ma che! gli asprissimi vostri furori
     20Son per tal femmina carezze e fiori.
Pur, se alcun picciolo rossor rimane
     Sopra a quel ferreo ceffo di cane.
Con voce altissima, concorde e fiera
     24Gridate, o giambici, da mane a sera:

<section end="it14">

Rapisardi 16