Pagina:Cavalli - Cenni statistico-storici della Valle Vigezzo I.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

115   

proxime elapsis convenerunt in uno sic dicto animo venerabiles Presbiteri Antonius de Melerio, Michael de Magistris de Toceno et Benedictus de Penonibus omnes tres Rectores, et beneficiales Curati dictae Ecclesiae, et cum eis maiores populi Consules, et homines locorum parrocchiae dictae Ecclesiae per quos statutum fuit praedictum templum illustrari, clarificari, et augmentari debere, et pro ipso opere perficiendo perquisitis multis opificibus modernis, advenit Magister Matheus de Varisio edificiorum opifex doctissimus, qui pro libris duobus mille quinquecentum imperialibus convenit opes antiquum in anteriori parte ipsius templi removendum et ipsum templum reficere, illustrare, eterificare, et lumen magnis fenestris augmentare, cum sacrestiae arcibus duobus magnis triumphalibus, testudinibus, tecto et muris de foris lapidibus lavoratisi pillonis, et aliis laboreriis qui de presenti constructi adparent. Deduciamo da questo documento, che la chiesa di Sanla Maria chiamavasi già antichisima nel mille e cinquecento; che essa fu in origine fabbricata da pochi Cristiani; che era l’unica in valle Vigezzo: in dicta valle Viglietii constructum et edificatum fuerit templum unum magnum: e finalmente che era oscura, e fornita di strette e piccole finestre secondo l’antico rito. Che se a tutto questo aggiungiamo quanto per noi già si disse; se soprattutto riflettiamo, che la chiesa in discorso esisteva già nell’anno mille, e non avea i caratteri architettonici propri del Medio Evo, vale a dire il gotico stile, ma bensì quelli propri dei primi secoli; noi sempre più verremo assicurati, che la Cristiana Religione col primo tempio fu introdotta in Vigezzo dai santi Giulio, e Giuliano sul finire dell’anno trecento.