Pagina:Cennini - Il libro dell'arte, 1859.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


incomincia


IL LIBRO DELL’ARTE,


fatto e composto da cennino da colle, a riverenza di dio, e della vergine maria, e di santo eustachio, e di santo francesco, e di san giovanni batista, e di santo antonio da padova, e di tutti santi e sante di dio, e a riverenza di giotto, di taddeo, e di agnolo maestro di cennino, e a utolità e bene e guadagno di chi alla detta arte vorrà pervenire.




Capitolo I.

Nel principio che Iddio onnipotente creò il cielo e la terra, sopra tutti animali e alimenti creò l’uomo e la donna alla sua propia immagine, dotandoli di tutte virtù. Poi, per lo inconveniente che per invidia venne da Lucifero ad Adam, che con sua malizia e segacità lo ingannò di peccato contro al comandamento di Dio, cioè Eva, e poi Eva Adam; onde per questo Iddio si crucciò inverso d’Adam, e sì li fe’ dall’angelo cacciare, lui e la sua compagna, fuor del paradiso, dicendo loro: perchè disubbidito avete el comandamento il quale Iddio vi dètte, per vostre fatiche ed esercizii vostra vita traporterete. Onde cognoscendo Adam il difetto per lui commesso, e sendo dotato da Dio sì nobilmente, si come radice, principio e padre di tutti noi; rinvenne di sua scienza di bisogno era trovare modo da vivere manualmente. E così egli incominciò con la zappa, ed Eva col filare. Poi seguitò molte arti bisognevoli, e diffe-


1